Castel Gandolfo

I PAPI A CASTEL GANDOLFO

Nell'estate del 1623 veniva eletto al Soglio pontificio il Cardinale Maffeo Barberini che assumeva il nome di Urbano VIII (l623-1644). Già parecchi anni prima il Cardinale aveva scelto per la villeggiatura Castel Gandolfo, sia per la sua incomparabile posizione panoramica, sia perché da lui considerato il luogo più salubre dei castelli romani, e a tale scopo si era costruita una modesta dimora, in prossimità delle mura del Castello, al piano superiore del torrione che ancora adesso sovrasta la Porta romana. Sono tuttora esistenti fuori delle mura, nelle vicinanze dello stesso torrione, le scuderie. Fu quindi naturale che, una volta eletto Papa, Urbano VIII scegliesse Castel Gandolfo come residenza estiva, decidendo quindi di riadattare la vecchia rocca Gandolfì-Savelli allo scopo di "provvedere ancora che i Papi avessero comodità di villeggiare nei propri palazzi, non parendogli conveniente di valersi delle case altrui", come annota il suo biografo Andrea Nicoletti. Dopo aver villeggiato per due anni a Frascati, ospite del Cardinale Scipione Borghese, il 10 maggio 1626 Urbano VIII fissò finalmente la partenza per la prima villeggiatura a Castel Gandolfo.

"Dopo il 1626 Urbano VIII ritornò fedelmente per altri undici anni alla Villa, per due volte all'anno... in aprile o, per lo più, in maggio ed una seconda volta nel mese di ottobre" per una durata da due a tre settimane. "Egli aveva una sua giornata metodica e non gli mancava mai, nelle ore di svago, la compagnia di letterati e di eruditi... Amava soprattutto le passeggiate a piedi che, specie nei primi anni, alternava sovente con lunghe cavalcate nei boschi... Durante le sue villeggiature, perché gli affari di governo non subissero remore, Urbano VIII riceveva, come d'ordinario, ministri e ambasciatori" (da Emilio Bonomelli, ibidem, p. 52). Dopo la malattia del 1637 che fece addirittura temere per la sua vita, Urbano VIII rinunciò definitivamente a villeggiare nella Villa a cui era tanto affezionato per la convinzione, sua e dei medici, che ormai gli giovasse maggiormente l'aria più pesante di Roma.

Il successore di Urbano VIII, Innocenzo X Pamphilj (1644-1655), non venne mai a Castel Gandolfo nei suoi dieci anni di pontificato e raramente si allontanò da Roma.

Non così Alessandro VII Chigi (1655-1667) che soggiornò regolarmente a Castel Gandolfo due volte l’anno, in primavera e in autunno, per periodi variabili da 20 giorni ad un mese. Papa Chigi era particolarmente sensibile alle bellezze del lago e del verde circostante, propizie alle meditazioni e ai silenzi, ed era solito fare lunghe passeggiate per i viali tracciati tra i boschi di lecci e di castani. Ed infine lo attiravano le gite sul lago che percorreva su un grosso brigantino che era stato trasportato appositamente a Castel Gandolfo da Ripa Grande. Alessandro VII affidò al Sernini la costruzione della Chiesa parrocchiale di Castel Gandolfo, dedicata a San Tommaso da Villanova, l’arcivescovo di Valencia da lui stesso canonizzato nel 1658, mentre la Cripta fu dedicata a San Nicola.

Nessuno dei successori di Papa Chigi lasciò più Roma per la residenza estiva nei seguenti 44 anni. Soltanto Innocenzo XII Pignatelli (1691-1700) il 27 aprile 1697 pernottò a Castello, in occasione del suo viaggio ad Anzio e Nettuno, per ripartire l'indomani mattina. Giunto sulla piazza in una sera di nebbia e di pioggia il luogo gli apparve tanto uggioso che non fu invogliato a ritornavi.

Clemente XI Albani (1700-1721) passò i primi nove anni del suo pontificato senza mai allontanarsi da Roma. Ma dopo una grave malattia nell'estate del 1709, nel maggio del 1710 si recò a Castel Gandolfo su consiglio dei medici e, visti i buoni risultati, vi ritornò per sei anni di seguito fino al 1715. Durante il suo primo soggiorno castellano Papa Albani emanò un rescritto con il quale conferiva a Castel Gandolfo il titolo di "Villa Pontificia". Tale riconoscimento, durato fino alla fine dello Stato Pontificio, comportava, per i cittadini di Castel Gandolfo, il privilegio di essere sottratti alla giurisdizione delle comuni magistrature amministrative e giudiziarie e di essere assoggettati a quelle speciali del Prefetto del Palazzo Apostolico e Maggiordomo. I soggiorni di Papa Albani furono improntati a grande dimestichezza con i castellani, specie i più poveri, che il Papa fece destinatari di numerose liberalità. A Clemente XI si debbono i lavori fatti a Palazzo per restaurarlo dopo il lungo abbandono e gli abbellimenti apportati al paese il cui nucleo abitativo si era notevolmente ampliato. Una lapide posta all'inizio del corso di Castel Gandolfo, tuttora esistente, ricorda le opere realizzate dal Papa a beneficio della cittadina.

La Villa pontificia non fu più frequentata dai successori di Papa Albani per la durata di 25 anni ed il Palazzo si riaprì nel giugno del 1741 per accogliere Papa Benedetto XIV Lambertini (1740-1758), eletto nell' estate precedente. Egli "fu uno dei pontefici che più si affezionarono a Castel Gandolfo dove, come soleva dire, poteva tirar fuori l'anima dal torchio" (da Emilio Bonomelli, I Papi in campagna, p.111). Le sue villeggiature assunsero un tono di grande semplicità, lontane dai fasti di quelle dei suoi predecessori: "Non voglio rompimenti di testa. Ce li siropperemo quando saremo a Roma", usava rispondere alle petulanti e spesso inopportune richieste di udienze e di visite che gli venivano presentate. Durante il suo pontificato egli non trascurò di curare e abbellire il palazzo. Tra le opere principali ricordiamo la decorazione della galleria di Alessandro VII, ad opera di Pier Leone Ghezzi, con ariosi dipinti a tempera che rappresentano vedute panoramiche dei colli Albani, vivacizzate da gustose scenette rustiche, e della nuova Loggia delle Benedizioni, fatta costruire nel 1749, con il bell'orologio che la sovrasta.

Pagina 3 di 11