IL NUOVO MUSEO FILATELICO E NUMISMATICO - Busta celebrativa ufficiale

IL NUOVO MUSEO FILATELICO E NUMISMATICO - Busta celebrativa ufficiale  

La storia della sede del Museo è stata, nel corso degli ultimi decenni, piuttosto articolata. Da una prima sede all'interno dei Musei Vaticani, nella Torre Borgia, il Museo fu trasferito nella Stazione Ferroviaria Vaticana; oggi, in seguito ad un'attenta ristrutturazione in funzione di una diversa destinazione di una parte della Stazione medesima, ha ritrovato la sua sede "naturale" e definitiva nei Musei Vaticani. Il Museo Filatelico e Numismatico della Città del Vaticano è, al tempo stesso, un Museo per "specialisti" e per "curiosi": è un compendio di storia contemporanea e di religione, è un percorso visto attraverso i francobolli e le monete, entrambi sì espressione di sovranità, ma anche rigorose discipline e piacevoli passatempi. In esso sono conservati reperti della storia postale risalenti allo Stato Pontificio ed al Pontificato del Beato Pio IX (1846-1878), rarità di Pio XI (1922-1939), sotto il cui Pontificato furono emessi i primi francobolli e le prime monete del neo-costituito Stato della Città del Vaticano (1929). Oltre 150 anni di storia filatelica e molti di più di storia numismatica sono raccolti in questa Collezione, compresi i francobolli espressi nelle doppia valuta Lira-Euro e le prime monete Vaticane in Euro. Un Museo che si arricchisce ogni anno di nuovi francobolli e di nuove monete, che segnano il tempo che trascorre e marcano la presenza costante della Chiesa nella società e nel mondo.