Visita di Sua Santità Benedetto XVI all’ONU in occasione del 60º Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

Visita di Sua Santità Benedetto XVI all’ONU in occasione del 60º Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo  

La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, adottata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 Dicembre 1948, fa parte dei documenti di base delle Nazioni Unite, insieme al suo Statuto del 1945. Questa Dichiarazione, di fondamentale importanza per l’umanità intera, nasce dalla traumatica esperienza delle atrocità perpetrate nel corso della Seconda Guerra Mondiale. In quanto Dichiarazione di principi dell'Assemblea generale, la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo non è giuridicamente vincolante per gli Stati membri dell'organizzazione. Tuttavia ai diritti ed alle libertà in essa riconosciuti va attribuito un valore giuridico autonomo nell'ambito della comunità internazionale, dal momento che sono ormai considerati dalla gran parte delle nazioni civili alla stregua di principi inalienabili del diritto internazionale generale. Il 18 aprile scorso, in occasione del 60º Anniversario della Dichiarazione, il Santo Padre Benedetto XVI si è recato alla sede ONU di New York, ove ha tenuto un discorso all’Assemblea Generale.