BICENTENARIO DELLA NASCITA DI FRANZ LISZT CENTENARIO DELLA MORTE DI GUSTAV MAHLER

BICENTENARIO DELLA NASCITA DI FRANZ LISZT CENTENARIO DELLA MORTE DI GUSTAV MAHLER  

Franz Liszt nasce in Ungheria nel 1811 e ben presto, già prima dei dieci anni, mostra delle enormi potenzialità. Istruito inizialmente dal padre, si trasferisce a Vienna dove segue le lezioni di composizione - con Salieri - e di pianoforte. Successivamente si sposta a Parigi per proseguire i suoi studi, dove non viene però ammesso al Conservatorio della capitale francese dall’allora direttore Luigi Cherubini. Tuttavia la sua fama stava crescendo e nel 1825 il quattordicenne Liszt suona a Londra al cospetto di Re Giorgio IV. Negli anni successivi al 1833 Liszt viaggia moltissimo in tutta Europa e negli anni 40 è al culmine della sua carriera, acclamato ovunque; sono gli anni in cui la sua creatività si esprime al massimo. La morte della figlia nel 1862 è un avvenimento che cambierà la vita dell’autore; egli infatti decide di dedicarsi alla vita religiosa e nel 1865 riceve gli ordini minori e diviene abate. Da questo momento le sue composizioni saranno sempre più indirizzate verso la musica sacra. Gustav Mahler nasce in quella che è oggi la Repubblica Ceca; anch’egli avviato molto presto dal padre allo studio della musica, a 15 anni entra al conservatorio di Vienna, dove riscuote subito degli ottimi consensi. Dopo aver completato gli studi Mahler si specializza nella direzione d’orchestra ed ottiene un grande successo sia tra il pubblico che tra la critica; al contrario, le sue composizioni inizialmente non vengono apprezzate come dovrebbero. Nel 1897 Mahler riceve il prestigioso incarico di direttore Teatro dell’Opera di Vienna, ruolo che coprirà per dieci anni rinnovandone sia la qualità artistica che il repertorio. I dieci anni della sua direzione sono ancora considerati quelli più luminosi della storia del Teatro. Di Mahler non rimangono purtroppo molte opere, alcune sono andate infatti distrutte; oltretutto la sua intensa attività di direttore d’orchestra gli ha lasciato sicuramente poco tempo per dedicarsi alla composizione. Per il terzo anno consecutivo l’Ufficio Filatelico e Numismatico ha realizzato un folder, denominato «Die Emissionis Nº3», che racchiude la serie filatelica e dedicata ai due grandi musicisti. La confezione contiene anche un Compact Disc con alcuni brani selezionati dei due compositori.