EUROPA 2014 - GLI STRUMENTI MUSICALI

EUROPA 2014 - GLI STRUMENTI MUSICALI  

L’emissione «Europa» è quest’anno dedicata agli strumenti musicali. La loro straordinaria ricchezza è un segno evidente della capacità e della creatività dell’uomo. Nelle Chiesa cattolica la musica ha avuto da sempre un ruolo rilevante, soprattutto nella funzione religiosa. L’importanza del tema emerge anche dal lavoro del Concilio Vaticano II che in una delle sue disposizioni stabilisce che lo strumento più adatto all’uso sacro è l’organo a canne. L’organo può infatti apportare «un notevole splendore alle cerimonie liturgiche ed elevare potentemente gli animi a Dio e alle cose celesti», sia come accompagnamento del canto che suonato da solo. L’Ufficio Filatelico ha dunque pensato di dedicare a questo magnifico strumento la sua emissione filatelica. Nello specifico, uno dei due valori emessi riproduce l’organo Biagi della Basilica di San Giovanni in Laterano, l’altro l’organo in funzione nella Basilica di San Pietro. Il primo realizzato dall’organaro Luca Biagi (1548-1608) è un vero e proprio capolavoro di tecnica ed arte. Le sue decorazioni sono opera del milanese Giovan Battista Montano, che lo realizzò su disegno di Giacomo Della Porta in legno scolpito e dipinto; si compone di tre campate, scandite da colonne tortili, con la campata centrale più grande e le laterali gemelle, ciascuna delle quali è ulteriormente tripartita. Sopra ciascuna delle tre campate si trova una statua: su quella di sinistra si trova l’Arcangelo Gabriele; sulla centrale si trova Dio Padre benedicente; su quella di destra si trova la Madonna. Il secondo, posto nella cappella del coro della navata di sinistra di fronte ad un altro organo a canne di fattura precedente, fu costruito dalla ditta Tamburini nel 1974 nello spazio vuoto lasciato dallo spostamento della cantoria; accompagna tutte le cerimonie solenni nella Basilica Vaticana, soprattutto quelle celebrate dal Romano Pontefice.