IV CENTENARIO DELLA NASCITA DI PAPA INNOCENZO XII

IV CENTENARIO DELLA NASCITA DI PAPA INNOCENZO XII  

Si celebrano quest’anno i quattrocento anni della nascita di Antonio Pignatelli, nato nel 1615 in Puglia, a Spinazzola ed eletto al soglio di Pietro nel 1691 con il nome di Innocenzo XII. Il suo Pontificato viene ricordato soprattutto per le riforme promosse nella Chiesa e nella Curia Romana, oltre che per opere di carattere civile, realizzate in favore della città di Roma. Il provvedimento più noto e celebrato è costituito dalla bolla «Romanum decet Pontificem» contro il nepotismo che, emanata nel 1692, attuava un progetto a cui aveva a lungo lavorato il suo predecessore, Alessandro VIII. Papa Pignatelli fu molto amato dal popolo, poiché seppe unire all’abilità e fermezza politica uno stile di vita semplice e sobrio. Si prodigò inoltre particolarmente per i poveri, prestando soccorso durante la peste, il terremoto e l’inondazione del Tevere, eventi che afflissero Roma nel corso del suo Pontificato. Indisse il Giubileo del 1950 ma, a causa della malattia che lo affliggeva, non poté né aprire di persona la Porta Santa, né concludere le celebrazioni giubilari; la morte lo colse infatti il 27 settembre di quell’anno. L’Ufficio Filatelico e Numismatico lo ricorda con l’emissione di un valore filatelico da 95 centesimi in foglio da 10 esemplari. L’immagine del francobollo riproduce un’incisione calcografica conservata presso gli uffici del Segretario di Stato di Sua Santità, realizzata dall’importante stamperia De Rossi che operò a Roma tra il 1648 ed il 1738.