V CENTENARIO DELLA NASCITA DI SANTA TERESA DI GESÙ E DI SAN FILIPPO NERI

V CENTENARIO DELLA NASCITA DI SANTA TERESA DI GESÙ E DI SAN FILIPPO NERI  

Celebriamo quest’anno i cinquecento anni della nascita di due Santi della Chiesa Cattolica, Santa Teresa di Gesù e San Filippo Neri. La loro vita ha in comune il fatto di avere portato avanti, anche se con modalità differenti, un’opera di rinnovamento spirituale in seno alla vita religiosa: l’una con la fondazione dell’ordine e delle regole delle Carmelitane Scalze; l’altro con la fondazione della Congregazione dell’Oratorio, formata in questo caso, almeno inizialmente, più con la pratica quotidiana che con l’imposizione di norme comportamentali. Santa Teresa di Gesù, nata ad Avila, in Spagna, fondò una piccola comunità di consorelle con l’obiettivo di restaurare, a favore di una maggiore vita contemplativa, il rigore della primitiva regola del suo ordine. Un equilibrio perfetto tra meditazione ed apostolato la cui testimonianza di santità fu tale che molte giovani chiesero di abbracciare questa vita. Autorizzata a fondare monasteri in Castiglia consolidò la sua opera con un’altra intuizione, quella di avere per le sue «figlie» confessori e padri spirituali che rispondessero alle stessa regola, i Carmelitani Scalzi. San Filippo Neri, nato a Firenze, partì per Roma intorno ai vent’anni con l’intento di coltivare il suo spirito nella città santa. Inizialmente come laico e poi dopo l’ordinazione religiosa quale prete di strada, riuscì ad avere un enorme seguito e considerazione attraverso il semplice esercizio di virtù elementari. La sua più grande intuizione fu quella di «abbracciare» tutto il popolo senza distinzioni, imparando a conoscere e a condividere la quotidianità, con l’obiettivo di condurre ogni anima a Dio con la semplicità del messaggio evangelico; a lui si deve l’invenzione dell’oratorio, quale luogo di aggregazione e gioco di ragazzi poveri sotto l’ala protettrice della Chiesa.