CANONIZZAZIONE DI MADRE TERESA

CANONIZZAZIONE DI MADRE TERESA  

Nell’Anno Santo della Misericordia celebriamo la canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta, la Santa dei Poveri che Papa Wojtyla volle subito beata in riconoscenza delle sue virtù. Tanto esile quanto determinata nella sua vocazione, Madre Teresa ha amato Dio e la Chiesa con fermezza, semplicità e umiltà straordinarie, glorificando con la sua vita la dignità del servizio più umile. Nata a Skopje, in Macedonia, il 26 Agosto del 1910, a 18 anni, subito dopo aver preso i voti religiosi, aveva sentito l’esigenza di mettersi al servizio dei più poveri tra i poveri, a Calcutta. Nel 1950 fondò la congregazione delle Suore Missionarie della Carità, indossando il sari bianco a strisce blu con cui da lì in poi sarebbe stata universalmente riconosciuta. Umile messaggera del Vangelo e dell’amore di Cristo, lei stessa si definiva «una matita nelle mani del Signore», non ha mai cercato di fare cose grandi ma di farle con amore. Con dedizione inesauribile, con sorrisi e piccoli gesti, trovando nella preghiera e in Dio la forza di perseverare nella sua vocazione, ha assistito poveri, malati e derelitti. Amava ripetere che: "quel che manca di più ai poveri, è il fatto di sentirsi utili, di sentirsi amati. Per tutte le specie di malattie, vi sono medicine, cure, ma quando si è indesiderabili, se non vi sono mani pietose e cuori amorosi, allora non c’è speranza di vera guarigione". Il suo fragile corpo, fiaccato negli ultimi anni dalla malattia, si è spento il 5 settembre del 1997 ma il suo messaggio d’amore anima migliaia di suore missionarie in tutto il mondo.