1950° ANNIVERSARIO DEL MARTIRIO DI SAN PIETRO E SAN PAOLO

1950° ANNIVERSARIO DEL MARTIRIO DI SAN PIETRO E SAN PAOLO  

Nel 67 d.C. Pietro e Paolo venivano martirizzati a Roma, il primo crocifisso a testa in giù e il secondo decapitato, onore riservato ai cittadini romani condannati a morte; si celebra quest’anno il 1950° anniversario del martirio dei due Santi, sulla cui fede, ricorda Papa Francesco, «si fonda la Chiesa di Roma, che da sempre li venera come patroni. Essi, annunciatori e testimoni del Vangelo tra la gente, suggellarono col martirio la loro missione di fede e di carità». La serie realizzata da Daniela Fusco si compone di due valori raffiguranti due bellissimi primi piani degli Apostoli, accompagnati da alcuni simboli ad essi tradizionalmente riferiti. Nel valore da € 0.95 l’immagine di San Pietro è incorniciata in basso da due chiavi parallele, esplicito richiamo alla frase «A te darò le chiavi del regno dei cieli» (Matteo 16,19). Una chiave è rivolta verso il basso e reca lo stemma della Santa Sede, e l’altra, rivolta verso l’alto, reca all’interno una croce capovolta che allude al martirio del Santo. Su di essa un gallo evoca il triplice rinnegamento di Cristo da parte di Pietro e assurge a simbolo della fragilità umana dell’Apostolo e della misericordia di Dio. Il francobollo da € 1 raffigura il profilo di San Paolo con i due simboli che da sempre lo caratterizzano nell’iconografia: il libro e la spada. Il libro sta a simboleggiare le sue numerose lettere ai cristiani da cui gli deriva il titolo di «Dottore delle genti». La spada riporta alla sua figura di persecutore dei cristiani prima della conversione nonché al martirio; ma è anche la «spada dello spirito» e rappresenta la forza della Fede.